Nell'attesa di mettere le mani sui prossimi Resident Evil 5 od Obscure: The Aftermath, prendiamoci qualche attimo per osservare cosa ci offre il mercato videoludico indipendente, spesso è possibile trovare delle soprese interessanti. Una di queste è NOMBZ: Night of a Million Billion Zombies, un action-shooter in 3D appena realizzato dalla PowerUp Studios e autodistribuito attraverso il loro sito ufficiale.

NOMBZ è un gioco d'azione vecchio stile dove l'unico scopo del giocatore è quello di avanzare e disintegrare quanti più zombie possibile lungo la via, senza tanti altri fronzoli. Il giocatore all'inizio controlla solo il personaggio di Mot, ma lungo i 25 livelli totali del gioco Mot incontrerà altri quattro personaggi, uno più folle dell'altro, che si uniranno al gruppo e lo aiuteranno a debellare l'infestazione. Il gameplay e il controllo dei personaggi è simile al vecchio classico della Bitmap Brothers The Chaos Engine (visuale a volo d'uccello e personaggi secondari guidati dal computer), ma NOMBZ punta molto sul tono irriverente e umoristico dell'azione e dei personaggi, composti fra gli altri da una sexy infermiera, un postino psicotico e un boscaiolo a cui piace vestirsi da donna.

Pur non essendo un esempio di alta tecnologia e complessità di design, i nostalgici delle ambientazioni zombiesche anni '60 in stile Romero potrebbero trovare interessante questo tuffo nel passato (sia videoludico che cinematografico).

Il gioco è acquistabile al prezzo di 14,99 USD (poco meno di 10 euro) attraverso il sito ufficiale degli sviluppatori, www.nombz.com, dove potete trovare un demo del gioco, un video in-game e diversi screenshot.

Le novità horror dell'E3 2012

Ora che si è conclusa la maggiore fiera mondiale dei videogiochi, possiamo fare il riassunto delle novità horror...

Lorenzo Davia, 19/06/2012

Buon inizio di 2012 per Resident Evil

Ben due titoli della serie "Resident Evil" in uscita nei primi mesi del 2010: "Resident Evil: Revelations" e ...

Lorenzo Davia, 19/10/2011

Resident Evil: Afterlife 3D

Mattia Fumagalli, 4/10/2010