Questo giovedì, sul set di Drag Me To Hell alla Twentieth Century Fox di Los Angeles, l’atmosfera è rilassata ma sono tutti molto indaffarati. A sole due settimane dalla fine della produzione, ogni istante è prezioso, ma Raimi riesce a mantenere sul set un’atmosfera tranquilla. In mezzo alla troupe c’è lo scenografo Steve Saklad. La scena di oggi, una seduta a casa di ShaunSan Dena si dimostra essere una delle riprese più complicate per il reparto scene. Nella scena Shaun convoca Lamia per annullare la maledizione su Christine. Prima che venga convocato il demonio, un numero crescente di fantasmi cerca di entrare da una porta aperta. Un elettricista commenta

“Questo è uno dei set più imponenti mai costruiti in questo posto”. Il complimento rende felice Steve. Spiega come ha cercato di mostrare le peculiarità del personaggio attraverso il suo palazzo

moresco.

“Ci piace molto quella parte del mondo perché unisce Europa occidentale e orientale. Perciò abbiamo messo mobili francesi barocchi accanto a finestre moresche a mezzaluna e vetrate a mosaico. C’è un’enorme stella moresca al centro del pavimento che, nelle inquadrature dall’alto, sembra una serie di sprazzi di sole dalla forma geometrica. La stanza ha un’atmosfera molto

bizzarra e particolare”.

Sam Raimi alla ricerca dello Yeti

Il regista del recente Drag Me to Hell produrrà un film dedicato all'abominevole uomo delle nevi...

Leonardo Pappalardo, 25/09/2009

Drag me to hell

Jacopo Mungai, 15/09/2009

Drag Me to Hell, siete pronti per vivere l'Inferno?

L'11 settembre è il giorno di Raimi. Gli affezionati sono in fermento. E mentre il pubblico americano si divide tra...

Francesco Spagnuolo, 8/09/2009