Winona Laura Horowitz, meglio conosciuta come Winona Ryder, nasce il 29 ottobre del 1971. Per il suo nome di battesimo i genitori hippy (il padre Michael è un collaboratore di Timothy “LSD” Leary) decidono di usare quello della città dove risiedono, Winona, Minnesota. A suggestionarli, probabilmente, il significato che gli indiani Lakota danno a questo nome: Winona, infatti, indica niente-meno-che una dea del sesso!

La futura star del cinema cresce in una comune nella California del Nord, in compagnia di genitori, fratelli e sorelle dai nomi inconsueti (Suhyata, Jubal), amici dei genitori, cani, gatti, cavalli. Non c’è elettricità, si mangia macrobiotico e si danza all’alba senza nemmeno essersi concessi una tazza di caffellatte. Quando Winona ha dieci anni, i suoi si trasferiscono armi e bagagli in quel di Petaluma, vicino San Francisco. Due anni più tardi, nell’83, al American Conservatory Theater, Winona scopre la sua grande vocazione: recitare. Già nel 1986 cominciano i primi provini e di lì a poco ecco la prima firma su un contratto, occasione per la quale cambia il proprio cognome da Horowitz a Ryder (omaggio al cantante Mitch Ryder): il regista David Seltzer la sceglie per il family-film Lucas, dove Winona appare nelle vesti di una bionda pon-pon girl.

Nel 1988 il suo fascino da lolita dark (visetto gentile, occhioni da cerbiatta, sorriso malizioso) conquista Tim Burton: eccola dunque protagonista di Beetlejuice - Spiritello Porcello, commedia horror assai ben riuscita. Per Winona è il salto di qualità.

Acerba e conturbante compare poi in Great Balls of Fire!, film biografico sulla vita del cantante Jerry Lee Lewis, di cui Winona interpreta la giovanissima moglie.

Ma la sua fortuna continua a muoversi su binari “oscuri”. Rieccola davanti alla macchina da presa di Tim Burton in Edward Mani di Forbice, in cui recita al fianco di quello che per qualche anno sarà il suo grande amore, Johnny Depp (il quale si farà, incautamente, tatuare un “Winona Forever” sul braccio). È il 1990. Stesso anno, altro successo: Sirene di Richard Benjamin, commedia romantica che la vede sullo schermo insieme a Cher e con una Christina Ricci appena uscita dall’asilo nido. Per Sirene Winona ottiene una nomination al Golden Globe e troppo successo tutto d’un colpo. Risultato: attacchi di panico, primi problemi con gli psicofarmaci, ricovero in ospedale.

Beetlejuice 2: Michael Keaton e Winona Ryder i protagonisti, Brad Pitt il produttore

Non ci si deve fidare mai dei vivi!

Francesco Zito, 2/03/2022

Beetlejuice: Larry Wilson racconta il finale alternativo

Quest’anno il film di Tim Burton festeggia i suoi primi 30...

Antonella Romaniello, 3/04/2018

5 film horror adorabilmente romantici

I suggerimenti di Horror Magazine per rendere la vostra serata di San Valentino perfetta

Antonella Romaniello, 14/02/2018