L'abbiamo vista in bikini, in atteggiamenti sensuali, mentre si cambiava d'abito, e mentre un simpatico robottino cercava di allisciarsela perbenino. Ma lei, Megan Fox, di certo non l'abbiamo mai vista così indiavolata (e semi nuda). “È stato nel pieno della confusione di Juno, nel periodo degli Oscar, che ho letto il copione per la prima volta”, ricorda Jason Reitman, il produttore. "Ero davvero eccitato all’idea di leggerlo perché sapevo che Diablo (Cody, la sceneggiatrice) era una grande fan del genere horror e io vado a vedere i film horror ogni volta che escono. Ho visto più horror che commedie, nonostante questo, sono stato messo al tappeto dallo script di Jennifer's Body perché mi ha davvero spaventato e allo stesso tempo mi ha fatto ridere”.

Diretto da Karyn Kusama, e a metà strada tra il sexy horror e lo humor malizioso, Jennifer's Body racconta la storia di Jennifer (Megan Fox), una studentessa del liceo di una piccola cittadina, che viene posseduta da un demone affamato. Passerà dalla perfidia tipica del liceo – stupenda bad girl, ultra esibizionista e che si sente superiore agli altri – alla vera perfidia: la cattiveria pura. La splendente bellezza del liceo diventa una creatura pallida e malaticcia sempre in cerca di uno snack a base di carne, e ragazzi che non avrebbero mai avuto neanche una chanche con una tipa senza cuore come lei cominciano ad avere un fascino tutto nuovo nell’ottica dell’insaziabile appetito di Jennifer. Intanto Needy (Amanda Seyfried), la migliore amica di Jennifer, che ha a lungo vissuto nella sua ombra, sarà costretta a uscire allo scoperto per difendere i ragazzi della città, compreso il suo migliore amico, il nerd Chip (Johnny Simmons).

Cosa aspettarsi dal film? Nell'era di internet si sa, le notizie viaggiano ancora prima di essere stampate; a volte sono vere, a volte sono semplici voci di corridoio, ma Jennifer's Body ha davvero raccolto una macedonia di voti che non permettono di inquadrarlo bene, tra chi lo loda, chi lo critica e chi resta nel vago mondo di mezzo. E questo sia per gli adulti, sia per quanto riguarda i teenagers. Ma forse importa poco.

Il cinema è il cinema, e al cuor non si comanda, anche quando tutti ci dicono che quella non è la storia adatta a noi. Oppure no?