La storia, scritta da Alex Infascelli e dal canadese Vince Villani, riguarda cinque donne che in una villetta isolata muoiono in una serie di strani incidenti legati all’acqua.

“Questo film è la curiosa combinazione di Picnic ad Hanging Rock, di Suspiria e The Ring”, dice Loris Curci, che produce Hate 2 O col supporto di Andrea Mariotti per la Digital Desk e di Gianluca Curti per la Minerva Pictures.

 

La trama si svolge in una vecchia casa in Finlandia dove i cellulari non funzionano e vi aleggiano strane presenze. Le cinque donne vengono uccise a opera di mezzi ingegnosi nei quali l’elemento principale è l’acqua.

 

Gli strani eventi di Hate 2 O, infatti, iniziano quando Olivia e le sue quattro amiche scoprono un’acqua purificante nell’isolata villetta. Docile e introversa, Olivia diventa la preda delle sue perfide e ingannevoli amiche, che ridicolizzano lei e il suo gemello morto durante il parto che ha ucciso la madre.

 

Olivia è presa dai tormenti e così, ferocemente, rimuove l’unico legame palpabile che le è rimasto col gemello: un dente conficcato sotto la pelle della sua spalla. Dopo averlo sepolto a lungo il passato ritorna in superficie e così come è l’acqua che risveglia la sua vita nascosta, sarà l’acqua che si prenderà la vita…

  

Il cast internazionale di Hate 2 O include l’attrice italiana Chiara Conti  (che ha già recitato in Do you like Hitchcock), la tedesca di nascita Mandala Tayde, l’attrice russa Olga Shuvalova, la messicana Anapola Miskadiz e l’irlandese Claire Falconer.

Alcune scene sono ambientate a Castel del Golfo e il veterano Sergio Stivaletti (che ha già lavorato in  Demoni) ha organizzato il pandemonio omicida curando gli effetti speciali.

“Anche se è un film lontano dall’essere una pellicola piena di effetti cinematografici,” ha aggiunto Curci, “vi sono numerose donne che muoiono e nonostante il sangue questo è un film d’atmosfera.”

 

Nell’attesa di vederlo confidiamo nelle parole di Curci quando afferma che, accanto alla figura di Dario Argento, è Infascelli quello che emergerà come un professionista dell’horror italiano.