Ogni nuovo film horror è il film dell'anno. Un ritornello piuttosto famoso tra i fan dei sobborghi del cinema horror, che spesso sfogano la propria rabbia nei forum-pub per via di quella trovata già vista o per l'ennesimo remake scaduto. Ci si lamenta spesso della mancanza di creatività, di plot avvincenti e originali; e ogni volta che si presenta un caso nuovo, si torna a preparare festoni, trombette e coriandoli per una bella serata da brivido (col timore che la festa sarà un fiasco).

Quella casa nel bosco è considerata l'opera che dovrebbe placare gli animi e le rivolte filosofiche nate dopo gli ultimi remake di genere.  La paura che sia l'ennesima trovata è tanta, ma se si studia da vicino da quale gene creativo nasce la storia, allora qualcosa di fantastico potrebbe davvero accadere.

Il primo DNA da considerare è quello del direttore d'orchestra Drew Goddard, sceneggiatore di Alias, Cloverfield e Lost. Riuscite a immaginare la brezza del mix creativo di questi elementi?  L'altro DNA è di Joss Whedon, il famoso papà di Buffy l'ammazzavampiri

Be', non possiamo dire che manchino di fantasia...

"Tu credi di conoscere la storia" recita lo slogan. Il fatto che sia la M2 Picturs italiana a distribuirlo (la stessa del fenomenale, e dico agghiacciante, e per agghiacciante intendo... Frozen), lascia qualche nugolo di speranza. 

Si respira aria da teen horror, ma se il DNA non mente, il fenotipo (le caratteristiche osservabili di un organismo "filmico") lascia presagire un nuovo modo di vedere l'horror. Un nuovo mondo che sta piacendo a pubblico e critica, e non importa se non convince troppo tutti quanti.

Intanto, ci giunge notizia che "M2 Pictures, in accordo con Lionsgate, ha ritenuto opportuno spostare la data di uscita italiana del film a venerdì 18 maggio. La decisione nasce dalla valutazione degli ottimi risultati di box office ottenuti dal film nel suo primo weekend, sia negli USA (15 milioni di dollari, terzo incasso del weekend e seconda miglior media a copia dopo The Hunger Games) che in Inghilterra (1.5 milioni di sterline), e di un accresciuto interesse da parte degli esercenti italiani. Questa strategia è ovviamente tesa a valorizzare un prodotto per il quale sono già stati fatti investimenti importanti sia in termini di acquisizione che di lancio, e che in questa nuova data avrà modo di trovare una distribuzione più capillare su tutto il territorio nazionale."

Per ora, ciucciatevi il calzino! E guardatevi il trailer: 

Buffy l’ammazzavampiri: Gary Newman parla di un possibile reboot

Il progetto potrebbe concretizzarsi se Joss Whedon si dicesse disponibile

Antonella Romaniello, 14/03/2018

Quella casa nel bosco

Gianfranco Staltari, 21/05/2012

'The Cabin in the Woods', la release italiana è alle porte

Finalmente si avvicina la data della release italiana di 'The Cabin in the Woods', intanto Entertainment Weekly...

Mattia Fumagalli, 30/03/2012