Danilo Arona, nella sua lunga carriera di giornalista, scrittore e critico, si è spesso occupato anche di saggistica del cinema horror (Guida al cinema horror, Vien di notte l'Uomo Nero - Il cinema di Stephen King, Wes Craven - Il buio oltre la siepe).

Ed è proprio in quest’ottica di analisi critica, di uno dei film fondamentali anche per l’horror di oggi, che si colloca l’ultima fatica dello scrittore: Gli Uccelli di Alfred Hitchock.

Non sono pochi i film consacrati al mito e innalzati al ruolo di capolavoro molti anni dopo la loro uscita sugli schermi e anche, purtroppo, dopo la dipartita dei loro autori. Come se l’occhio del critico, con il passaggio del tempo diventasse più attento e, magari, più bonario.

Arona cerca di mettere ordine in tutto questo materiale speculativo, partendo da zero, ripercorrendo la genesi della pellicola, la difficile realizzazione e le interpretazioni che si sono susseguite nel tempo. Un viaggio divertito e divertente, di uno dei massimi esperti italiani di cinema horror, all’interno dell’universo geniale di Alfred Hitchcock, dei suoi collaboratori, con uno sguardo di ammirazione a una professionalità maniacale che appartiene solo ai registi con la “r” maiuscola.

Danilo Arona  

Gli uccelli di Alfred Hitchcock

Un Mondo a Parte Editore

252 p., ill. € 23,00