Davvero difficile per chi frequenta il cinema di spavento non cedere alla tentazione di mischiare orrore e scienza. In occasione dell'uscita di quell'incubo genetico che è Splice di Vincenzo Natali, sul letale miscuglio tra frontiere genetiche e paura abbiamo sentito il parere di due tra i più interessanti e originali registi horror del panorama cinematografico italiano contemporaneo: Ivan Zuccon e Gabriele Albanesi, anomalie essi stessi in un mercato sempre più orientato ai turbamenti emotivo – esistenziali degli adolescenti.

Per Zuccon, regista di L'altrove e Nympha, le possibilità del connubio tra ricerca scientifica e terrore “sono innumerevoli. Pensiamo a tutte le ripercussioni etiche e morali che le scoperte scientifiche estreme (e non) possono avere. E' chiaro che il tema della scienza osservata da un punto di vista meno tecnico e cioè virato sulle conseguenze nell'uomo, nella società e nell'evoluzione è centrale. Il mio punto di vista sposa la tesi "estrema", quindi se dovessi cimentarmi in una pellicola su questo tema dovrei subito affrontare la domanda d'obbligo: "è giusto che l'uomo giochi a fare Dio?". La mia risposta sarebbe sì”.

Sourranded in DVD

Il film diretto da Patri e Girolami e prodototo da Gabriele Albanesi arriva nel mercato dell’home video italiano

Davide Monti, 24/03/2015

Esce oggi "Surrounded"

Arriva oggi nei cinema nostrani l'home-invasion prodotto da Gabriele Albanesi già distribuito via iTunes in 67...

redazione, 4/07/2014

Gabriele Albanesi produce Surrounded

In arrivo l’opera prima di Laura Girolami e Federico Patrizi...

redazione, 1/07/2013