A scuola ci insegnano che le pecore sono creature innocue, che prediligono sempre erba fresca per prodotti derivati all'altezza del Marchio. Ma l'Homo Sapiens non fu soddisfatto, così in tutta la sua intelligenza riuscì a dare sfogo alla propria creatività mettendo al mondo pecore alla diossina, praticando il "museling", infilandole nelle cantilene, e dandole in pasto ai banchi sacrificali devoti all'Anticristo. Ma sapete, forse non è tanto per questo motivo che se la sono presa, quanto per il nome dato a quella clonata che fa tanto "apparecchiatura per riprese cinematografiche". Già, deve essere per questa ragione che si sono arrabbiate. Pensate che non sia vero? Allora non avete visto Black Sheep. Rimediate.

Black Sheep

Regia: Jonathan King

Cast: Nathan Meister, Danielle Mason, Peter Feeney, Tammy Davis

Genere: comedy-horror

Nazionalità: Nuova Zelanda

Anno di produzione: 2006

Terrorizzato fin dall’infanzia dalle pecore, Henry Oldfield torna alla fattoria di famiglia per venderla al fratello maggiore, il misterioso e strambo Angus, e liberarsi definitivamente della fonte dei suoi incubi.

Una serie di esperimenti genetici condotti da Angus, però, sta trasformando gli innocui e morbidi ovini della tranquilla fattoria: i docili animali si trasformano in bestie mannare, assassine e assetate di sangue. Le zombesche pecore nere partono in gregge in rivolta contro gli umani, contagiandoli… Dopo un morso le malcapitate vittime cominciano a belare!

Toccherà al fratello per bene e con la fobia per gli ovini provare ad arginarle. Tra rocambolesche fughe, budella estirpate, urla e belati, Henry dovrà riuscire a sconfiggere lo strampalato gregge assassino. Finale col botto!

Scheda Tecnica del DVD

Black Sheep

Irene Vanni, 28/01/2014

Bram Stoker Award 2011, è di Peter Straub il miglior romanzo

Si è svolta dal 16 al 19 giugno scorso la cerimonia della Horror Writer Association che ogni anno decreta le...

Francesco Spagnuolo, 22/06/2011

Mediafilm Extreme

Mediafilm presenta la linea "DVD Extreme", per gli appassionati di emozioni forti ed estreme!

Francesco Spagnuolo, 20/12/2008