Per chi ama la narrativa horror, arriva nelle edicole un romanzo di Robert R. McCammon dal titolo Hanno sete (They Thirst, 1981), un horror metropolitano che viene considerato un capolavoro nella narrativa sui vampiri.

Robert R. McCammon è nato a Birmingham nel 1952, ha frequentato il liceo e l’università in Alabama. Ha sempre amato i racconti horror ed era anche un grande appassionato di film dello stesso genere.

Tra gli anni ’80 e i ’90, ha scritto libri come Baal, Bethany’s Sin, Swan Song, Mine e Boy’s Life e per ben tre volte si è aggiudicato il Bram Stoker Award (in alcuni casi a pari merito con Stephen King). Dopo Gone South (Inferno nella palude — Interno Giallo/Mondadori 1993), l’autore scompare dalla scena e si prende una lunga pausa di riflessione dal genere horror per dedicare più tempo alla famiglia e scrivere Speaks the Nighbird, pubblicato nel 2002. Quest'ultimo romanzo è un grande affresco storico, del 1600 circa, inerente il periodo in cui venne indetta una cieca e stolta caccia alle streghe.

In Italia sino a ieri non erano stati pubblicati neanche la metà dei suoi lavori e per nostra fortuna la casa editrice Gargoyle a partire dal 2005 ha preso a tradurre e pubblicare i suoi romanzi. Infatti Hanno sete, che è considerato uno dei suoi migliori romanzi, era stato pubblicato da questa casa editrice circa tre anni fa.

Nel romanzo l’autore ipotizza che la città di Los Angeles subisce una invasione di un esercito di feroci vampiri comandati dal loro principe Vulkan, e solo un male assortito gruppetto di coraggiosi si opporrà a questa invasione

La “quarta”:

L.A, la Città degli Angeli dove un male vecchio come il mondo si è trasferito da un paese lontanissimo. Più di otto milioni di persone, otto milioni di modi per morire: un campionario di ogni depravazione. Il Principe dei non-morti farà strage di vittime, ma uno sparuto gruppetto di persone si frappone al suo piano: un detective della Omicidi che già si è imbattuto nel Male durante a sua infanzia; un prete condannato da una malattia incurabile; un attore della televisione che cerca di strappare la donna amata a un destino letale; una giornalista abituata a rimestare nel torbido. E un bambino che vuole vendicare l’uccisione dei genitori con un’arma molto antica...

Hanno sete di Robert R. McCammon (They Thirst, 1981, Traduzione Paolo De Crescenzo, Mondadori, collana Le Grandi saghe n. 5, pagg. 507, euro 7,50)