Delos Network colophon | editore | delos store

Wake the Sleeper

Uriah Heep, Wake the Sleeper (2008) - ROCK/PROG ROCK - Universal/Sanctuary - dischi: 1 - durata: 56 minuti - prezzo 20,50 euro - giudizio: discreto

In principio ci fu la psichedelia.
Essa figliò ufficialmente tre volte. Nacquero così il Jazz-Rock, il Progressive Rock e l’Heavy Metal. Il primogenito è stato dato per disperso ormai da anni in ambienti colti, ma gli snob ritengono che lui stesso si rifiuti di manifestarsi alla massa. Il secondo fu orrendamente trucidato nella seconda metà dei ’70 da due loschi individui che rispondevano al nome di Punk e Disco, così il figlio venne cresciuto dallo zio. Il terzogenito, infatti, ancora vivo e vegeto, è andato e si è moltiplicato in decine e decine di sottospecie ancora disponibili sui cataloghi internazionali.

Ciò che la stampa musicale solitamente tace, però, è l’esistenza di un quarto figlio bastardo. Bizzarro ibrido, somigliante soprattutto ai due figli legittimi minori, misterioso e oscuro, sfortunato e satanico, orrorifico e fantascientifico, non ha mai avuto un nome, ma è stato chiamato in molti modi: Black Widow, Lucifer’s Friend, Spooky Tooth, Rush e numerosissimi altri; ma chi ha letto David Copperfield ricorderà sicuramente quello di Uriah Heep.

Pare che molte delle incarnazioni di questo essere siano state vittime di un rapimento alieno in uno stadio statunitense agli albori dell’AOR e sostituite con entità collettive dai nomi più esplicitamente legati al complotto, quali Kansas, Boston, Chicago o — addirittura — AMERICA; altri, come i Rush, sono stati rimpiazzati da una copia difettosa, infettata da elementi legati alla contemporaneità, ma proprio per questo più interessante; altri ancora, come i Black Widow, si sono tenuti alla larga dalle varie manipolazioni dei governi ombra, nascondendosi in un bosco sacro bretone, e pare stiano tornando in forma smagliante. Infine, ci sono gli Uriah Heep.

Chi siano questi, resta davvero un mistero. Non solo un certo qual rispetto per l’Inghilterra vittoriana ha fatto mantenere loro il nome di dickensiana memoria, ma persino UNO dei membri originari della band ha ancora il suo proprio patronimico.
La copia è così perfetta che diventa impossibile scorgere differenze fra i suoni di adesso e quelli di allora, certi passaggi dei brani sono mimati alla perfezione e ascoltare questo Wake the Sleeper è come riprendere in mano uno dei vecchi dischi, privato però della sua scintilla vitale.
C’è dunque il caso che si tratti di androidi.

Di progressivo restano l’uso massiccio dell’hammond e del contrappunto vocale (caratteristica che, in ambito prog, vedeva i suoi massimi rappresentati nei Gentle Giant); il resto è un sound più votato all’hard rock a cavallo fra i ’70 e gli ’80.
Anche distaccandosi dal prog propriamente detto, resta poca varietà, poco dualismo timbrico. La capacità dell'hammond di ricreare tappeti armonici sullo sfondo è sempre notevole, ma l'omoritmia fra gli strumenti a corda la fa da padrone, spogliando il tutto di ogni sorpresa.

Da subito, la title-track ci proietta in un clima di instabilità, con cori in scala cromatica discendente all’unisono con l’hammond. Fatta eccezione per questi e per la ripetizione ossessiva del titolo, il brano si configura come strumentale. Sembrano proprio gli Uriah Heep, il loro stile è inconfondibile e i suoni paiono ricavati da un misterioso disco del passato mai dato alle stampe.

Niente di nuovo succede con la seconda e la terza traccia (Overload e Tears Of The World), se non l’affacciarsi di sonorità più orientate verso l’era dei rapimenti, soprattutto per l’uso corposo di soli chitarristici impiantati su armonie di chitarre e basso all’unisono. L’ascolto dei pezzi è piacevole, i riffs e le melodie vocali molto orecchiabili, ma la gran parte delle strutture ritmiche e armoniche è troppo logora, per provenire da maestri come i veri Uriah Heep.

I valori ritmici si dimezzano con Light Of A Thousand Stars, e poi ancora con Heaven’s Rain (in cui compaiono passaggi chitarristi orientaleggianti, che cominciano a giustificare anche musicalmente il concetto espresso dalla cover), ma questi appaiono finora gli unici cambiamenti. Stesse atmosfere, stessi impasti armonici, stesse soluzioni progressive usate più per amarcord che per reale ispirazione.

La faccenda comincia ad annoiare con la traccia numero sei (Book Of Lies). Con la sette, What Kind Of God, si accenna, con dissonanze e brevi passaggi strumentali, a multisezioni progressive (tanto che certe note acute compresse sul palato richiamano alla memoria un altro gruppo purtroppo scomparso, come tutti sanno, intorno alla metà dei ‘70, ovvero i Genesis) che non si delineano mai in quanto tali, perché spezzate ogni volta dal ritornello o da assoli chitarristici di matrice puramente rock; l’interminabile finale strumentale, poi, ci lascia l’impressione di voler somigliare il più possibile a quello di One way or another (da Hight and Mighty, 1976) e viene pericolosamente sfiorato il rischio di cadute nel patetico.

L’ottavo brano, Ghost Of The Ocean, porta un diverso assortimento di valori ritmici e tonalità, seppur minimo, ma il risultato non cambia. La struttura è quella standard della ‘forma canzone’, oltretutto sviluppata in melodie poco suggestive.

I cambi di valori e tonalità si accentuano in Angels Walk With You, su di un impianto più ‘largo’, brano più complesso e sofisticato, ma che non porta comunque niente di memorabile.

Shadow è il pezzo che, se fosse stato contenuto in un vecchio album, avrebbe potuto diventare un classico della band: ogni strumento ha un suo spazio, con fraseggi melodici sia all’unisono sia in solo, la strofa non si lascia dimenticare, i valori ritmici cambiano in modo interessante, ma non siamo all’interno di un album di allora, e il brano si perde fra richiami e ovvietà di ogni genere.
Stesso motivo per cui non convince neppure l’ultima traccia, War Child, nonostante l’ottimo inizio teatrale.

Le aspettative erano molto, ma molto più alte. Le idee sono davvero poche per riuscire a colmare un’attesa di ben dieci anni.

Sono quasi certa che la reverenza per il nome spingerà alcuni, più o meno inconsciamente, a reclamare per questo disco ben più delle due stelle che gli ho affibbiato, ma giuro che stanno lì giusto per la tecnica e l’amalgama sonoro di questa band, perché, se qualcuno mi avesse detto che erano i veri Uriah Heep, ne avrei data solo una.

Non voglio speculare sui significati filosofici del titolo. A ma piace pensare che il dormiente sono io e questo è solo un incubo da cui mi sveglierò per entrare in quel delirio di Stephen King intitolato E hanno un band dell’altro mondo, dove David Byron è ancora lì che canta Time to live con Marc Bolan, Freddy Mercury, Janis Joplin, Brian Jones, Keith Moon, Buddy Holly e Stevie Ray Vaughan.
Peccato che, pure il Re, si dimenticò di lui…

Autore: Irene Vanni - Data: 18 settembre 2008

Notizie correlate

Wake the Sleeper: dai il tuo voto

Voti dei lettori

16 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

12 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Sei un pozzo infinito di conoscenze, Irene :)

» postato da psichetechne alle 22:23 del 12-10-2008

2 E' un complimento a me o un'ennesima frecciata agli Uriah Heep? :? :lol:

» postato da Irene Vanni alle 18:58 del 13-10-2008

3 No no, è proprio un complimento a te :D

» postato da psichetechne alle 23:21 del 13-10-2008

4 Ah, Irene: ti è piaciuta la mia recensione a "Riflessi di paura"? (Angelo Moroni). Il parere di una letterata mi sarebbe benvenuto. 8)

» postato da psichetechne alle 23:23 del 13-10-2008

5 Grazie. :) In questi giorni ho un po' di problemi e poco tempo, ma l'ho segnata in preferiti, così, il prima possibile la leggo.

» postato da Irene Vanni alle 07:59 del 14-10-2008

6 In principio era il nulla...nel 2010 ancora resiste la categoria dei cosidetti critici o persone che fanno recensioni di (gusti personali),perche la musica è un gusto personale ‘quello che per me può essere grande non lo sarà per lei e viceversa, quindi cosa criticare!!è un buon album lo ascolti bene non sarà come i primissimi ma buono . non reclamo (inconsciamente) più di 2 stelle non mi interessa affatto ma rispetti il gusto altrui, il passato è passato e i morti sono morti oppure riesumiamo cesare – alighieri- da vinci ….aspettarsi di più è sempre lecito ma dopo 40 anni di musica senza mai un filo di pubblicità essere ancora a questi livelli non è poco.lo trovi lei un altro gruppo che ancora incide musica con tanta forza,gli altri sono spariti tutti da decenni.chiudo con una frase di un comico A LAVORARE ma veramente e continui a scrivere su fiction tv che è meglio senza offesa. Un consiglio il 9/11/08 se li vada a godere come saprà sono a milano.

» postato da maxj alle 00:23 del 21-10-2008

7 A persone che scrivono commenti del genere non ci sarebbe nemmeno da rispondere. Pretendete critiche oggettive e quando ne arrivano di veramente oggettive e non legate ai VOSTRI gusti personali, se vanno contro alle VOSTRE opinioni soggettive, allora vi scagliate contro chi questo lavoro lo fa sul serio. Poi, non ho capito la critica offensiva rivolta a Fiction TV, per cui lavorano tanti bravi autori, quasi che scrivere per la TV sia da idioti... ma mi fermo qui; se non altro, la mia critica era motivata, questa no.

» postato da Irene Vanni alle 09:06 del 21-10-2008

8 Carissimo Maxj, capisco la sua stima nei confronti della musica e del gruppo in questione. Su HM si accettano tutte le critiche, ma con i toni giusti. E' consigliabile evitare frasi tipo "continui a scrivere su Fiction Tv" e per due motivi: il primo è che offende chi ci ha lavorato (il sottoscritto) e, in seconda battuta, mi sembra una frase un tantino denigratoria. Come si sentirebbe se le rispondessi "chiudo con una frase di un comico A LAVORARE ma veramente e continui ad ascoltare la musica che è meglio senza offesa". Spero che abbia capito cosa intendo e che non la prenda come offesa personale, perché non lo è affatto. Continui a seguirci e magari a criticare le nostre recensioni :wink: Grazie, Francesco

» postato da francesco spagnuolo alle 10:07 del 21-10-2008

9 Caro Maxj, le recensioni si posso anche non leggere, se non piace il genere. Non è obbligatorio.

» postato da psichetechne alle 16:07 del 21-10-2008

10 Chiedo venia se qualcuno si è offeso non era e non è mia intenzione offendere, volevo dire di tutto si può discutere (non criticare)ma il mio risentimento è per le frasi che dice la sig. vanni tipo –la faccenda comincia ad annoiare – cadute nel patetico-melodie poco suggestive-struttura troppo logora,perche cosi si offende un lavoro e non è giusto dato che non c’è la controparte a rispondere. evidentemente box e compagni non se ne sono accorti!! Dopo anni di attesa incidere un lavoro patetico è da pazzi. bisogna mettersi in testa che questi signori hanno fatto ciò che ritenevano giusto perche oggi per incidere servono soldi ,dopo può piacere o meno, sarei curioso della risposta di box alla domanda della vanni-avete fatto un lavoro patetico-,si può discutere se box arriverà mai a suonare come page o frusciante o se lanzon suonerà come wakeman (in nessuno dei casi credo) questa è realtà non è criticare. A me piace il rosso forse a lei il giallo agli UH il loro disco cosa vogliamo criticare prima,i gusti sono gusti. la gente non ha più bisogno di critici discutere si ma critici basta. giustamente dice che non merito risposta, ma se ad ogni discussione anche lei vuole tappeto rosso e domande su misura, allora non va. Ripeto non volevo e non voglio offendere nessuno. Un saluto

» postato da maxj alle 00:35 del 22-10-2008

11 «Ripeto non volevo e non voglio offendere nessuno». Ma sì, dai, ci mancherebbe. Ciao :wink: F.S.

» postato da francesco spagnuolo alle 00:49 del 22-10-2008

12 sono pienamente d'accordo in tutto quello che ha detto "MAXJ" NON VI E' NESSUN OMBRA DI DUBBIO

» postato da oscarecho alle 11:57 del 13-01-2009

13 m'imbatto volentieri con assoluta protezzione in uno dei gruppi piu' sottovalutati, e stroncati dalla critica rock: mi riferisco agli inglesi ...URIAH HEEP. Essi con enorme piacere APPARTENGONO ALLA LEGGENDA sin dalla loro prima (vera) opera d'arte: Very 'Eavy...Very 'Umble..., considerato dai "veri" esperti uno dei dischi emblematici del primo hard-rock inglese. Per farla breve, gli uriah heep sono stati infamati allora nel 1970 da melissa mills,la quale disse di suicidarsi se gli heep avrebbero ottenuto il successo Il continuo lo possiamo dedurre da soli. Guarda in 40 anni di storia : sempre criticati,aspramente e anche in maniera ignobile...ma, la storica band imperversa con i loro tour in tutta europa compresa quella grande dell'est, continuando a far sognare musicisti e fan in tutto il mondo. guardate in ex unione sovietica (tutta) provate a parlare male degli uriah heep .. loro li adorano e per conoscenza devo dire che e' stato l'unico e primo gruppo rock a penetrare in quelle realta' culturali nell'ambito musicale. con grande rammarico devo ancora sentire critiche su di loro!!!!! e veramente un vero peccato..... vogliamo dare addosso all'ultimo "wake the sleeper"?... ebbene fatelo, (chi scrive suona da ben 45 anni), non riuscirete mai a demolire i mitici uriah heep wake the sleeper e' prodotto,da sig. musicisti, che alla loro eta' si permettono il lusso di sfoggiare la loro grande tecnica senza tralasciare le armonie classiche accumunate nell'arco della loro umile,e grande esistenza.

» postato da alfredo alle 12:54 del 13-01-2009

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.