Delos Network colophon | editore | delos store

Christ Illusion

Slayer, Christ Illusion (2006) - THRASH METAL - composta da: Tom Araya (vocals), Dave Lombardo (drums), Kerry King (guitars), Jeff Hanneman (guitars) - American Recordings - giudizio: buono

Gli Slayer sono una band che non ha certo bisogno di presentazioni. In attività da 25 anni, la loro storia parla chiaro. Sono tra i padri putativi del Trash Metal, e hanno visto crescere il proprio pubblico album dopo album e concerto dopo concerto, fino a godere di una stima riconosciuta in tutto il mondo.

Il nuovo album Christ Illusion esce a 5 anni dal precedente God Hate Us All. Le aspettative erano molte: la notizia che più animava le attese dei fan era l'acclamato ritorno dietro le pelli di Dave Lombardo, storico membro della band nella prima parte della loro memorabile carriera, nonché batterista apprezzato anche dai non appassionati del genere.
Ma l'album fa chiacchierare anche per la cover art di Larry Carroll che si guadagna subito una nota di demerito. Sulla copertina campeggia una visione apocalittica non troppo chiara, con un Cristo malconcio e mutilato in un mare di teste e sangue.
Vien da chiedersi se gente con un nome così importante ha bisogno di affidarsi a una provocazione tanto gratuita. Il soggetto risulta un po' patetico, anche se cerca di mettere in chiaro le cose: gli Slayer sono quelli di un tempo, e non concedono compromessi.
Fortunatamente c'è anche la musica a dimostrarlo.

L'album parte con Flesh Storm, un brano da cardiopalma che lascia subito l'ascoltatore attonito di fronte a cotanta violenza e precisione sonora. Un pezzo che di sicuro sarà valorizzato in sede live, con la sua potenza e velocità sostenute. Flesh Storm ha tutte le potenzialità per diventare un classico idolatrato dai fan, grazie anche al groove disumano.
Il resto viaggia su binari decisamente buoni con Catalyst, il mondo oscuro di Flesh of the Insane, il rifferama tagliente e preciso di Skeleton Christ. Il secondo capolavoro della tracklist è intitolato Cult, un felice connubbio di ira e crudeltà che porta l'ascoltatore indietro di vent'anni, a quei capolavori mai superati come South of Heaven e Reign In Blood: paragoni scomodi, certo, ma a tratti la band rispolvera soluzioni armoniche che non si sentivano da anni.

In un certo senso, tolte le tendenze modaiole degli ultimi prodotti, si potrebbe affermare che gli Slayer sono tornati a fare gli Slayer. E questo grazie anche a quel Lombardo che tanto mancava alla band con il suo inconfondibile stile (con tutto il rispetto e la stima per i sostituti), a un Araya che su album risulta impeccabile e alla coppia Hanneman/King, per i quali sembra che il tempo non sia mai passato.
Si potrebbe parlare di un grandissimo ritorno se non fosse che l' album "sazia" già dopo qualche ascolto. Paragonare l'album a capolavori che tanta gloria hanno portato al nome Slayer potrebbe costituire un'arma a doppio taglio. Tuttavia non siamo obbligati a prendere come metro di paragone i classici della band; basta ascoltare altre band del genere che ci sono in giro e constatare come gli Slayer, col loro sporco lavoro, facciano mangiare la polvere a un bel po' di concorrenti.

Se ci fermiamo ad ascoltarlo con il cuore, questo Christ Illusion piace, convince ed esalta. Se invece pensiamo al passato della band e alle sue recenti esibizioni live (come quella italiana dello scorso anno al Gods of Metal), è arduo rimuovere quella sensazione di ascoltare un gruppo di musicisti che ormai suona per mestiere da anni, forse senza la passione di un tempo.
Proprio per essere smentiti sarà interessante tastare lo stato di salute del gruppo all'imminente data milanese dell'Unholy Alliance 2006 il 22 ottobre al Mazda Palace. Un festival che vedrà gli Slayer come headliner: la band verificherà l'impatto dei nuovi brani su un pubblico che di sicuro sarà numeroso. Come sempre.


Tracklist

Flesh Storm
Catalyst
Eyes Of The Insane
Jihad
Skeleton Christ
Consfearacy
Black Serenade
Catatonic
Cult
Supremist

Autore: Stefano Perelli - Data: 29 settembre 2006

Christ Illusion: dai il tuo voto

Voti dei lettori

9 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Vota questa recensione

Voti dei lettori

2 voti ricevuti

Il tuo voto

seleziona il voto e clicca


Commenti

1 Seppur il tuo articolo mi sembra onesto, e concordo con te sul tuo commento sulla parte sonora, mi risento molto quando dici: "Ma l'album fa chiacchierare anche per la cover art di Larry Carroll che si guadagna subito una nota di demerito. Sulla copertina campeggia una visione apocalittica non troppo chiara, con un Cristo malconcio e mutilato in un mare di teste e sangue. Vien da chiedersi se gente con un nome così importante ha bisogno di affidarsi a una provocazione tanto gratuita. Il soggetto risulta un po' patetico, anche se cerca di mettere in chiaro le cose: gli Slayer sono quelli di un tempo, e non concedono compromessi." Anche perchè se ci pensi, tutti i primi album degli Slayer avevano copertine molto simili a quella di Christ illusion, copertine tra l'altro pregne di significato, io ritengo che tu te la sia presa per troppo moralismo represso, o sbaglio? Anche perchè io ritengo che la copertina rispecchi in pieno i testi dell'album e la sua interezza sonora (cosa che a mio parere non era successa con la copertina di "God hates us all".

» postato da (Sagana mandich) alle 13:08 del 21-03-2008

Puoi continuare la discussione sul forum

Commenta questo articolo

Sei già registrato?
Inserisci DelosID e password

Hai dimenticato la password?

Registrati ora!

Non sei registrato?
Inserisci nome, cognome e email

Il commento verrà inserito anche nel forum di questo sito. L'indirizzo email à obbligatorio ma non sarà pubblicato né memorizzato. Commenti anonimi o con nomi falsi saranno cancellati.